Oggetto

Odi et amo - Volume II

Annuncio

Cerco ambosessi che amino

- alzarsi molto presto e/o andare a letto molto tardi. Ognuno risolve per sé la possibile incompatibilità delle due abitudini
- la malinconia di quelle tazze da tè che, a un certo punto della loro esistenza, diventano portapenne. Un sogno americano alla rovescia, un declassamento, o invece una promozione? La faccenda è in ambiguo
- certi oggetti fuori corso come gli attaccapanni, i macinini e i manichini di vimini
- i numeri romani
- le gambe di Marlene Dietrich
- i cataloghi della BUR e dell'Adelphi
- il sonno da rosmarino
- il panforte a Natale, l'assenza di orologi a Capodanno
- i calzini alla Ravel
- il tè nel deserto [ogni tè presume il deserto. Concetto da chiarire]
- le tassonomie
- le sardine in salamoia
- sottolineare i libri a matita
- le storie criminali precedenti l'invenzione della fotografia. La fotografia ha volgarizzato l'estetica della cronaca nera
- fare resistenza e usare i fiammiferi anziché l'accendino (un vezzo, ma veniale. Esistono vezzi capitali? Approfondire la questione)
- Franco Bragagna che commenta le gare di atletica leggera. Notare che il lancio del peso è atletica leggera
- i capilettera
- le penne Bic. Chi preferisce loro le stilografiche non ha mai dovuto subire una tracheotomia d'emergenza. Neanche io, però a giudicare dalle serie mediche si direbbe che sia un intervento di routine. Una Bic ti può salvare la vita
- quando scoppia una fogna e la vegetazione si esalta
- giocare a ping pong
- il Meccano
- i polpi che svitano barattoli
- i rumori di fondo nelle canzoni dei Beatles
- il pensiero che presto o tardi si visiterano Bruges e Sanaa


e che (ma non necessariamente) odino

- i tavolini che ballano, a meno che non sia per una seduta spiritica
- le bolle papali di sapone
- il Reader's Digest
- i negozi di libri, da distinguersi dalle librerie
- i cappellini da baseball
- chi si lamenta degli anglicismi e poi parla un italiano tribale, triviale e alla canna del gas
- cercare di capire che cosa ci sia di eccitante nei fuochi d'artificio nelle sagre del carciofo
- il surrealismo francese
- gli ombrelli portatili
- dover sbucciare i kiwi
- le riviste nell'anticamera del medico
- l'idiozia che è in noi
- i campi da calcio abbandonati
- chi si mangia le unghie a bocca aperta
- i tributi a De André
- i porno con la trama
- non poter limonare con Dita von Teese per paura della mononucleosi (mi è successo a Parigi, dove non sono mai stato)
- l'abbraccio mortale tra banalità e mancanza di punteggiatura
- giocare a scacchi contro la salma di Bobby Fischer e perdere
- essere anticipati nel raccontare una barzelletta e doverla ascoltare in una versione molto più scialba della nostra
banner_panoramica1.gif

Contatti

Registrati o effettua l'accesso per rispondere al messaggio.
Odi et amo - Volume II