Oggetto

Tutto e niente

Annuncio

Io non ho bisogno di denaro.
Ho bisogno di sentimenti,
di parole, di parole scelte sapientemente,
di fiori detti pensieri,
di rose dette presenze,
di sogni che abitino gli alberi,
di canzoni che facciano danzare le statue,
di stelle che mormorino all’orecchio degli amanti.

Ho bisogno di poesia,
questa magia che brucia la pesantezza delle parole,
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.
La mia poesia è alacre come il fuoco
trascorre tra le mie dita come un rosario.

Non prego perché sono un poeta della sventura
che tace, a volte, le doglie di un parto dentro le ore,
sono il poeta che grida e che gioca con le sue grida,
sono il poeta che canta e non trova parole,
sono la paglia arida sopra cui batte il suono,
sono la ninna nanna che fa piangere i figli,
sono la vanagloria che si lascia cadere,
il manto di metallo di una lunga preghiera
del passato cordoglio che non vede la luce.

Questa poesia è stata scritta dalla poetessa Alda Merini, non da me. Riflette quello che sono, quello che voglio, quello che sento.
Questo annuncio è per chiunque volesse raccontarsi e farsi leggere.
Per chiunque si riconosca in queste parole.
Solo per anime belle....
banner_panoramica1.gif

Contatti

Registrati o effettua l'accesso per rispondere al messaggio.
nopic

Commenti  

0 # reedmmmm 2021-11-14 16:53
IO SARO’ IL TUO SPECCHIO





Io sarò il tuo specchio
e rifletterò la tua immagine
nel caso che tu non la conosca.

Io sarò il vento, la pioggia ed il tramonto,
la luce alla tua porta
ad indicare che sei in casa.

Quando crederai che la notte abbia scoperto i tuoi pensieri,
lascia che io entri, agitato e violento,
a mostrarti che sei cieca.

Ti prego, abbassa le braccia, lascia che io ti veda…
non riesco a credere che tu non conosca
la bellezza che sei,

ma se è così
lascia ch’io sia i tuoi occhi,
una mano nell’ombra,
perché tu non abbia più paura…..




(Lou Reed)
0 # :)elektra 2021-11-14 18:43
Grazie perché l'ho riascoltata dopo un po' di tempo
Citazione mmmm:
IO SARO’ IL TUO SPECCHIO





Io sarò il tuo specchio
e rifletterò la tua immagine
nel caso che tu non la conosca.

Io sarò il vento, la pioggia ed il tramonto,
la luce alla tua porta
ad indicare che sei in casa.

Quando crederai che la notte abbia scoperto i tuoi pensieri,
lascia che io entri, agitato e violento,
a mostrarti che sei cieca.

Ti prego, abbassa le braccia, lascia che io ti veda…
non riesco a credere che tu non conosca
la bellezza che sei,

ma se è così
lascia ch’io sia i tuoi occhi,
una mano nell’ombra,
perché tu non abbia più paura…..




(Lou Reed)